Skin ADV
Perugia Turismo

Postierla della Conca

Via Appia

Porta minore della cinta muraria etrusca

La Postierla della Conca è una porta minore della cinta muraria etrusca, ubicata a non grande distanza dall’Arco Etrusco, che, insieme a quella della Cupa era usata per il traffico pedonale.

Si data, per le sue caratteristiche tecniche, intorno a III-II sec. a.C. E’ ubicata all’interno di un cunicolo medievale, a circa 23 metri dall’imboccatura. La veduta esterna della porta è poco visibile, a causa dei vari interventi successivi, mentre all’interno è apprezzabile l’arco costituito da nove cunei in travertino.

Ai lati dell’accesso, in alto, simmetricamente, sono incastrati nella volta i conci con i fori, dove erano i cardini delle porte. La porta introduce ad un piccolo vano di passaggio rettangolare costruito in blocchi di travertino squadrati, secondo la stessa tecnica delle mura etrusche. Ha copertura con volta a botte, in alcuni punti non perfettamente conservata.

La porta, divenuta nel tempo inservibile al transito pedonale per l'innalzamento del piano di calpestio, venne recuperata ed intercettata da un cunicolo, durante la realizzazione della grandiosa opera dell’acquedotto medievale, intorno al 1275-1277.

L'acqua, proveniente da Monte Pacciano, e risalente sopra gli Arconi dell’attuale via dell’Acquedotto, raggiungeva la Fontana Maggiore nella vicina piazza comunale.

bk-news
Perugia Capitale
  • Visita Perugia e i suoi musei ! Un biglietto unico al costo di soli 13 euro permette l’ingresso all’interno di cinque musei cittadini nei quali sono conservate opere di Pietro Vannucci detto il Perugino e di altri grandi artisti. Il biglietto unico è acquistabile a partire dal 12 aprile 2022 presso le biglietterie di tutti e cinque i musei ed è pensato per favorire una fruizione autonoma degli stessi, in un percorso che sarà lo stesso visitatore a costruire, grazie anche alle informazioni di approfondimento accessibili tramite la scansione di QR code.

  • Il nuovo video punta i riflettori sugli affreschi della Chiesa di San Bevignate recentemente restaurati e descritti dal Dott. Giovanni Luca Delogu, Funzionario Storico dell'Arte della Soprintendenza.
  • Diventa anche tu un mecenate a favore del patrimonio culturale.