Skin ADV
Perugia Turismo

Palazzo Cesaroni

Piazza Italia

Il monumento della nuova società

Fu commissionato dall’imprenditore Ferdinando Cesaroni, su progetto dell’architetto Guglielmo Calderini, nel 1897, inglobando il preesistente palazzo Monaldi. I lavori furono eseguiti in poco più di 2 anni sotto la direzione dell'ingegnere Rombaldoni. L’architettura si ispira a quella romana del XVI sec.

La facciata ha un’abbondanza di elementi decorativi, che nell’intenzione del committente doveva superare quella dei palazzi circostanti. Sono di Annibale Brugnoli e Domenico Bruschi le decorazioni pittoriche in stile liberty dei soffitti, eseguite a tempera. Il salone principale che un tempo era la sala delle feste, è intitolato al pittore Brugnoli che ha dipinto il ciclo "La danza delle ore", una coreografia con fanciulle avvolte in leggeri veli di diversi colori. Ad esse si affianca la corsa dei cavalli, a rappresentare la fuga del Tempo.

Il palazzo non venne mai abitato dal suo proprietario e nel corso degli anni venne destinato a diversi usi, tra cui quello di lussuoso albergo con il nome di Palace Hotel. Nel 1977 divenne sede del Consiglio Regionale dell'Umbria e definitivamente acquistato dalla Regione Umbria nel 1999.

Visitabile solo con visite organizzate.

Info: Regione Umbria - Assemblea legislativa. Tel. 075 5761
Sitowww.alumbria.it

bk-news
Perugia Capitale
  • Visita Perugia e i suoi musei ! Un biglietto unico al costo di soli 13 euro permette l’ingresso all’interno di cinque musei cittadini nei quali sono conservate opere di Pietro Vannucci detto il Perugino e di altri grandi artisti. Il biglietto unico è acquistabile a partire dal 12 aprile 2022 presso le biglietterie di tutti e cinque i musei ed è pensato per favorire una fruizione autonoma degli stessi, in un percorso che sarà lo stesso visitatore a costruire, grazie anche alle informazioni di approfondimento accessibili tramite la scansione di QR code.

  • Il nuovo video punta i riflettori sugli affreschi della Chiesa di San Bevignate recentemente restaurati e descritti dal Dott. Giovanni Luca Delogu, Funzionario Storico dell'Arte della Soprintendenza.
  • Diventa anche tu un mecenate a favore del patrimonio culturale.