Skin ADV
Perugia Turismo

Storia: San Bevignate: agiografia e iconografia. La traslazione

La traslazione delle reliquie di san Bevignate avviene con una solenne cerimonia che costituisce uno degli atti più significativi del lungo vescovato (1591-1624) del perugino Napoleone Comitoli, da lui preannunciata in una lettera pastorale del 1609, precedentemente autorizzata da papa Paolo V con un breve del 3 aprile di quell'anno.

Il progetto del vescovo è quello di procedere alla traslazione delle reliquie di sant'Ercolano nella chiesa a lui dedicata, che era appena stata rinnovata, e a quella del corpo di san Bevignate dalla chiesa omonima fuori città fino all'interno della cattedrale, nella cappella di Santo Stefano.

A queste si aggiunge la traslazione di san Pietro abate, monaco cassinese perugino, i cui resti sarebbero stati spostati dalla sacrestia alla chiesa del monastero omonimo, cerimonia già decisa per il 17 maggio, in occasione del capitolo generale dei benedettini a Perugia. La concomitanza con il capitolo provinciale dei domenicani e dei cappuccini avrebbe comportato l'afflusso in città di un'ingente massa di religiosi dei vari ordini, così da rendere più sontuose le celebrazioni.

Nei giorni precedenti, con sfarzose cerimonie, le reliquie dei tre santi vengono fatte convergere in cattedrale ed esposte sull'altare maggiore per l'adorazione del clero e della cittadinanza. Quindi il 17 maggio avviene la solenne processione che, partendo da San Lorenzo, per sei ore attraversa una città vestita a festa con il concorso di religiosi e laici.

Di tali celebrazioni, con dovizia di descrizioni della processione, dell'imponente apparato scenografico posto in atto dentro e fuori le chiese interessate, delle funzioni e litanie recitate, resta testimonianza in un'ampia serie di testi redatti per l'occasione sia da religiosi sia da laici. "Tra questi, il resoconto del cerimoniere del vescovo Giovanni Panziera, e quello, ancor più dettagliato, del dottore in teologia e filosofia Alessandro Giovio.
(Perugia, Biblioteca Augusta, BAP IL 1260 - 4)"
(P.R. / M.A.)

bk-news
Perugia Capitale
  • Visita Perugia e i suoi musei ! Un biglietto unico al costo di soli 13 euro permette l’ingresso all’interno di cinque musei cittadini nei quali sono conservate opere di Pietro Vannucci detto il Perugino e di altri grandi artisti. Il biglietto unico è acquistabile a partire dal 12 aprile 2022 presso le biglietterie di tutti e cinque i musei ed è pensato per favorire una fruizione autonoma degli stessi, in un percorso che sarà lo stesso visitatore a costruire, grazie anche alle informazioni di approfondimento accessibili tramite la scansione di QR code.

  • Il nuovo video punta i riflettori sugli affreschi della Chiesa di San Bevignate recentemente restaurati e descritti dal Dott. Giovanni Luca Delogu, Funzionario Storico dell'Arte della Soprintendenza.
  • Diventa anche tu un mecenate a favore del patrimonio culturale.