Skin ADV
Perugia Turismo

Castello e Borgo di Collestrada

Borghi e castelli

Collestrada si trova sulla sommità di una piccola collina che domina la pianura percorsa dal Tevere e un importante incrocio di strade che, sin dall'epoca Romana, si diramavano verso i quattro punti cardinali.

Nel 1202, il castello di Collestrada venne sottomesso a Perugia e nello stesso anno vi si svolse una battaglia tra le truppe assisane e perugine, durante la quale il futuro Francesco d'Assisi venne fatto prigioniero per più di un anno e patì una grave malattia che lo portò a cambiare la sua vita per dedicarsi ad opere di carità. Egli sostò nuovamente a Collestrada nel 1216, di ritorno dalla visita al Papa.

Oggi il castello, posto in cima alla collina, si raggiunge percorrendo un imponente viale alberato. Della struttura originaria restano visibili alcuni tratti di mura, l'unico ingresso al centro storico e una torre, trasformata in campanile.

Colle della Strada era noto per il grande ospedale di San Lazzaro, che ospitava i pellegrini, fondato intorno al 1099. Nel 1228, Gregorio IX pose l'ospedale sotto la giurisdizione della Santa Sede e nel corso del XIII secolo venne fortificato. Nel XIV secolo fu più volte danneggiato dalle truppe pontificie, in guerra con Perugia fino a che non venne unito a quello di Santa Maria della Misericordia di Perugia nel 1524. Il borgo è stato recentemente ristrutturato ed è cinto da mura del XIV secolo.

Il bosco di Collestrada, residuo di un’antica foresta, secondo alcuni è un luogo misterioso e particolare, testimone di tanti avvenimenti nel corso della storia. Si narra infatti che in questo bosco abbiano camminato santi e criminali, nobili e contadini e, secondo la fantasia popolare, anche dei folletti piuttosto dispettosi.

bk-news
Perugia Capitale
  • da Comune di Perugia_Avviso ai cittadini in merito al divieto di comunicazione istituzionale per referendum popolari abrogativi ed elezioni amministrative fino al 12 giugno 2022

  • Visita Perugia e i suoi musei ! Un biglietto unico al costo di soli 13 euro permette l’ingresso all’interno di cinque musei cittadini nei quali sono conservate opere di Pietro Vannucci detto il Perugino e di altri grandi artisti. Il biglietto unico è acquistabile a partire dal 12 aprile 2022 presso le biglietterie di tutti e cinque i musei ed è pensato per favorire una fruizione autonoma degli stessi, in un percorso che sarà lo stesso visitatore a costruire, grazie anche alle informazioni di approfondimento accessibili tramite la scansione di QR code.

  • Il nuovo video punta i riflettori sugli affreschi della Chiesa di San Bevignate recentemente restaurati e descritti dal Dott. Giovanni Luca Delogu, Funzionario Storico dell'Arte della Soprintendenza.
  • Condividiamo le prime azioni di solidarietà al Parco Chico Mendez e a Ponte San Giovanni curate rispettivamente da Natura Urbana, dalla Chiesa parrocchiale di Ponte San Giovanni e dal Cesvol in favore della popolazione ucraina.
  • Diventa anche tu un mecenate a favore del patrimonio culturale.