Skin ADV
Perugia Turismo

San Fortunato della Collina

Borghi e castelli

Il paese di San Fortunato della Collina si trova su un poggio lungo la strada Marscianese, detta anche “strada della collina”, a circa 6 km a sud-ovest di Perugia, tra il fiume Tevere e il torrente Genna.

L’insediamento abitativo per la produzione agricola sorse già nell’alto Medioevo. Nato come semplice villa, nel 1311 venne dotato di mura difensive dal Consiglio di Perugia, e nel 1380 venne elencato come castello dipendente dal contado di Porta San Pietro. In seguito subì molte rovine: nel 1416 venne assediato, saccheggiato e danneggiato dalle soldatesche di Braccio da Montone, mentre nel 1512 fu incendiato dall'esercito del Duca d'Urbino.

La chiesa parrocchiale, intitolata a San Fortunato (Santo Vescovo di Todi) è menzionata in un  documento di Federico Barbarossa già dal 1163, ma la sua fondazione è precedente all’anno mille. Come molte altre chiese “leonine” fu ristrutturata e ampliata nel XIX sec. con il programma di riforma architettonica attuata dal Vescovo G. Pecci, divenuto papa Leone XIII. Adiacente alla chiesa, l'alto campanile si connota come elemento significativo nel paesaggio.

Info: Pro–Loco - Piazza Franceschino della Mirandola, 123 
sito: www.sanfortunatodellacollina.it

bk-news
Perugia Capitale
  • Visita Perugia e i suoi musei ! Un biglietto unico al costo di soli 13 euro permette l’ingresso all’interno di cinque musei cittadini nei quali sono conservate opere di Pietro Vannucci detto il Perugino e di altri grandi artisti. Il biglietto unico è acquistabile a partire dal 12 aprile 2022 presso le biglietterie di tutti e cinque i musei ed è pensato per favorire una fruizione autonoma degli stessi, in un percorso che sarà lo stesso visitatore a costruire, grazie anche alle informazioni di approfondimento accessibili tramite la scansione di QR code.

  • Il nuovo video punta i riflettori sugli affreschi della Chiesa di San Bevignate recentemente restaurati e descritti dal Dott. Giovanni Luca Delogu, Funzionario Storico dell'Arte della Soprintendenza.
  • Diventa anche tu un mecenate a favore del patrimonio culturale.