Skin ADV
Perugia Turismo

Cassero di Porta Sant'Angelo

Corso Garibaldi

Porte della città

La più grande delle porte medievali, fortificata da Ambrogio Maitani nel 1326, si apre nella cinta muraria del XIV sec. 

Esternamente presenta tre livelli, corrispondenti a tre fasi costruttive, contraddistinte ciascuna da tre impieghi di materiali edili; il primo livello è in pietra arenaria, come le coeve mura. La sopraelevazione del secondo livello  è  in pietra calcarea, probabilmente degli anni 70 del XIV sec.; fu voluta dal legato pontificio Gherrado du Puy, Abbate di Montmajeur de Cluny (Abbate di Monmaggiore), che per la posizione strategica del luogo, aveva creato un collegamento con la fortezza di Porta Sole e  la Porta  di Sant'Antonio. Il terzo livello, in laterizio (1416-24), è  opera dell’architetto Fioravante Fioravanti, per ordine di Braccio Fortebracci. La definitiva trasformazione  in cassero, munito di botole e feritoie e di porta Caditoia, è del 1479.

Restaurata nel corso dei secoli successivi, dagli anni 90 del XX sec. fino  al 2016 ha ospitato il Museo delle porte e Mura urbiche. Attualmente è sede di un – Percorso didattico diffuso degli strumenti musicali antichi (http://turismo.comune.perugia.it/poip/musica-unesperienza-tutta-da-sentire).

Dal tetto/terrazza della torre si ammira uno splendido panorama sulla città.

Come il borgo, la Porta prende il nome dall’antichissima chiesa paleocristiana dedicata a San Michele Arcangelo. Il suo stemma è rappresentato dalle ali dell’Arcangelo con al centro  la spada. Il Santo protettore è San Michele Arcangelo, la cui ricorrenza è il 29 settembre. Il colore  associato è il  rosso come la spada fiammeggiante e la legna per il fuoco proveniente dai boschi a nord di Perugia.

Da qui  usciva  una delle cinque vie regali proveniente dalla platea magna e diretta a nord. Veniva chiamata anche Porta degli Armeni per l’antico monastero basiliano fuori le mura e Porta San Matteo e/o San Cristoforo per l’uso del  trasferimento del nome da una porta più antica (posta a metà di via della Lungara odierno Corso Garibaldi), ad un’altra più esterna.

Orario di apertura:
giovedì 9.00-12.30
venerdì 9.00-12.30
sabato 9.30-12.30 / 15.00-18.00
domenica 9.30-12.30 / 15.00-18.00

Ingresso: gratuito
Apertura su prenotazione per visite guidate e per laboratori didattici (vedi Info e prenotazioni)
Non accessibile ai disabili 

Info e prenotazioni: tel. 329 6396295 - 328 9638830 
emailartemusicadelperugino@gmail.com 
sitowww.artemusicadelperugino.com 

bk-news
Perugia Capitale
  • Premio giornalistico internazionale. Bando e regolamento >Scadenza bando 11 febbraio 2020

  • L'occasione per scrivere un racconto che sarà pubblicata dalla casa editrice Sarapar nella Collana Ufo, in piccoli volumi, con scadenza trimestrale. Per partecipare, il racconto dovrà essere scritto al computer da inviare all'editore Sarapar (email: info@sarapar.it). Regolamento nel sito: http://sarapar.it/

  • da Comune Informa - Comune di Perugia: Fermo dal 31 luglio 2019 fino al termine dei lavori di ripristino delle scale mobili di via Checchi-via Pellini-via dei Priori e delle scale del parcheggio di Piazza Partigiani 

  • I° Concorso "Mara Del Duca" organizzato da "Madonnucci@insieme" ed "Ecomuseo del Tevere". Bandi di partecipazione

  • Mettiti in posa con i tuoi amici e scatta una foto con @CariPerugiaArte e tagga gli altri chiedendo di fare lo stesso. Con il tag avrai diritto ad un ingresso ridotto. Le foto più  belle, esposte all'ingresso della mostra, in regalo un catalogo della mostra "UNFORGETTABLE UMBRIA – L’arte al centro fra vocazione e committenza"

  • Articolo promozionale su Perugia pubblicato sulla rivista inglese Country & Town House

  • Magazine bilingue che abbraccia tutta l’Umbria attraverso il meglio del patrimonio storico, artistico e culturale della Regione, lo racconta con rigore scientifico ma con taglio divulgativo, riservando all’immagine un rilievo di prim'ordine. AboutUmbria Magazine è sopratutto un oggetto da sfogliare con la mente e da leggere col cuore.