Perugia Turismo

San Fortunato della Collina

Borghi e castelli

Il paese di San Fortunato della Collina si trova su un poggio lungo la strada Marscianese, detta anche “strada della collina”, a circa 6 km a sud-ovest di Perugia, tra il fiume Tevere e il torrente Genna.

L’insediamento abitativo per la produzione agricola sorse già nell’alto Medioevo. Nato come semplice villa, nel 1311 venne dotato di mura difensive dal Consiglio di Perugia, e nel 1380 venne elencato come castello dipendente dal contado di Porta San Pietro. In seguito subì molte rovine: nel 1416 venne assediato, saccheggiato e danneggiato dalle soldatesche di Braccio da Montone, mentre nel 1512 fu incendiato dall'esercito del Duca d'Urbino.

La chiesa parrocchiale, intitolata a San Fortunato (Santo Vescovo di Todi) è menzionata in un  documento di Federico Barbarossa già dal 1163, ma la sua fondazione è precedente all’anno mille. Come molte altre chiese “leonine” fu ristrutturata e ampliata nel XIX sec. con il programma di riforma architettonica attuata dal Vescovo G. Pecci, divenuto papa Leone XIII. Adiacente alla chiesa, l'alto campanile si connota come elemento significativo nel paesaggio.

Info: Pro–Loco - Piazza Franceschino della Mirandola, 123 
sito: www.sanfortunatodellacollina.it

bk-news
Perugia Capitale
  • È di nuovo attivo il servizio di consultazione della Biblioteca Digitale dell'Augusta

  • I nutrizionisti Ant vi aspettano con consulenze gratuite e personalizzate per migliorare l'alimentazione e prevenire le malattie tumorali. 

  • Filo della solidarietà per creare coperte per le popolazioni colpite dal sisma, scadenza raccolta 18 settembre 2017. Consegna alle popolazioni: 28 ottobre 2017 nelle zone colpite. Iniziativa a cura del Gomitolo Rosa onlus

  • Inaugurazione dei nuovi ascensori giovedì 13 aprile 2017 ore 15,00

  • Dal 7 aprile al 30 giugno 2017, trasporto pubblico sperimentale

  • Modifica sperimentale degli orari della Ztl/ si comincia da Sabato 1 Aprile fino al 31 Marzo 2018
    In relazione alla delibera di giunta 120 dello scorso 22 marzo, è stata emessa in data odierna l’ordinanza attuativa delle modifiche sperimentali degli orari della ztl.

  • Strumento per rendere fruibile anche ai non vedenti una parte significativa del centro storico